Una grafica moderna (e responsive) per OJS

Parliamo di Open Journal Systems, una piattaforma open source per la pubblicazione e gestione di riviste scientifiche online, una delle più diffuse e complete in circolazione. Per molti anni – e ancora oggi – è stata riconoscibile grazie alla sua grafica immediatamente identificabile nella gran parte delle riviste che lo adottano.

Non mi esprimo su un decennio fa ma da un po’ di anni la grafica standard offerta da OJS è una grafica marcatamente obsoleta e un po’ amatoriale, se non altro perché confessa al lettore che chi si occupa di quella rivista non ha investito nulla sulla cura e personalizzazione del sito.
Il layout fisso e rigido, le linee di separazione tratteggiate, l’uso di font predefiniti e – nei casi peggiori – le tre colonne e i link verdi, tutto offre una resa grafica e un’esperienza per l’utente quantomeno insoddisfacenti.

Hello world

Nel mio lavoro l’entropia abbonda. Spero che la pubblicazione di queste note – ripulite e possibilmente non prolisse – mi aiuti a riflettere e a fare ordine nei lavori che di volta in volta inizio / abbandono / riesumo.

Questo sito è un esperimento precario ed effimero, che vede la luce dopo quasi due anni di tentennamenti. È realizzato con Hugo, un generatore di siti statici, ed è esso stesso un pretesto una occasione per imparare qualcosa di nuovo.